Il fascino degli abbaini arrotondati: Una delizia architettonica

Case History

Il fascino degli abbaini arrotondati

Intervista all’ingegnere Mihai Căplescu


Quando si tratta di aggiungere carattere e fascino visivo al profilo del tetto di un edificio, gli abbaini svolgono un ruolo fondamentale. Questi elementi architettonici non solo migliorano l’estetica complessiva, ma forniscono anche spazio aggiuntivo e luce naturale agli interni. Tra i vari tipi di abbaini disponibili, quelli arrotondati sono emersi come una scelta popolare per gli architetti che cercano di creare un design unico e di grande impatto visivo. Gli abbaini arrotondati sono popolari in Romania a causa di diversi fattori che sono influenzati dal patrimonio architettonico, dal clima e dalle preferenze culturali del Paese, come spiega uno dei nostri migliori consulenti tecnici per tetti, l’ingegnere Mihai C
ăplescu.  

Questo articolo analizza i motivi per cui nei tetti si possono scegliere gli abbaini arrotondati e la compatibilità delle tegole canadesi Master di Tegola Canadese con questo tipo di tetto. 

 

Perché scegliere gli abbaini arrotondati? 

Estetica: Gli abbaini arrotondati sono rinomati per le loro linee morbide e curve, che aggiungono un tocco di eleganza e fascino al design architettonico complessivo. Il loro aspetto aggraziato può migliorare il fascino di qualsiasi struttura, facendola risaltare rispetto alle altre. 

Armonia architettonica: Gli abbaini arrotondati si integrano perfettamente con una varietà di stili architettonici, tra cui quello vittoriano, quello georgiano e persino quello contemporaneo. Le dolci curve degli abbaini arrotondati creano una transizione armoniosa tra la linea del tetto e le pareti, offrendo un effetto visivo coeso e piacevole. 

Massimizzazione dello spazio: Uno dei motivi principali per cui gli architetti optano per gli abbaini arrotondati è quello di massimizzare lo spazio utilizzabile all’interno dell’edificio. Questi abbaini offrono un’altezza maggiore e una maggiore superficie calpestabile, rendendoli ideali per creare spazi abitativi aggiuntivi, come accoglienti angoli di lettura, uffici domestici o persino piccole camere da letto. 

Luce naturale e ventilazione: Gli abbaini arrotondati sono caratterizzati da ampie finestre, che consentono di inondare lo spazio interno con un’abbondante quantità di luce naturale. Le finestre possono anche essere progettate per aprirsi, facilitando una corretta ventilazione e migliorando la qualità dell’aria interna. 

L’ingegnere Mihai Căplescu ha realizzato centinaia di case con le tegole canadesi Master di Tegola Canadese e alcune con gli abbaini arrotondati. Di recente lo abbiamo incontrato e gli abbiamo chiesto di parlarci di questa interessante caratteristica. 

I: Quali sono, secondo lei, le ragioni per cui gli abbaini arrotondati hanno guadagnato popolarità in Romania?  

M: È importante notare che, sebbene gli abbaini arrotondati abbiano guadagnato popolarità in Romania, le preferenze architettoniche possono variare nelle diverse regioni e nei singoli progetti. Tuttavia, il fascino duraturo degli abbaini arrotondati nell’architettura rumena può essere attribuito alla loro capacità di evocare un senso di tradizione, di integrarsi con il clima e di creare progetti visivamente accattivanti che si allineano con il patrimonio culturale e architettonico del Paese. 

In Romania, come in tutta Europa, l’attenzione è rivolta alla conservazione dell’architettura tradizionale: la Romania vanta un ricco patrimonio architettonico, con influenze di vari periodi, tra cui lo stile gotico, rinascimentale, barocco e neoclassico. Gli abbaini arrotondati sono in linea con l’estetica tradizionale di molti edifici rumeni, soprattutto nelle zone rurali. Questi elementi arrotondati aggiungono un senso di fascino e carattere che risuona con il patrimonio architettonico del Paese. 

Inoltre, gli abbaini arrotondati spesso evocano un senso nostalgico di tradizione e identità culturale. In Romania c’è un profondo apprezzamento per la conservazione e la celebrazione del patrimonio locale. Gli abbaini arrotondati, con il loro fascino senza tempo, contribuiscono alla conservazione degli stili architettonici tradizionali e aiutano a mantenere un legame con il passato. 

A ciò si aggiungono le considerazioni sul clima: la Romania è soggetta a diverse condizioni atmosferiche, tra cui inverni freddi ed estati calde. Gli abbaini arrotondati offrono vantaggi pratici in termini di efficienza energetica e ventilazione. Il design curvo aiuta a prevenire l’accumulo di neve e consente un migliore flusso d’aria, rendendoli adatti al clima del Paese. 

Gli architetti utilizzano le caratteristiche degli abbaini arrotondati anche per l’armonia visiva: gli abbaini arrotondati creano una linea di copertura armoniosa e visivamente piacevole, integrandosi perfettamente con la composizione architettonica complessiva. Questa scelta progettuale contribuisce all’equilibrio delle proporzioni e all’estetica degli edifici rumeni, che spesso privilegiano la simmetria e le linee aggraziate. 

La Romania ha un ricco patrimonio culturale, con folclore e storie tradizionali profondamente intrecciate nel tessuto sociale. Gli abbaini arrotondati possono talvolta essere associati al folklore e ai racconti locali, aggiungendo un tocco di estrosità e di narrazione alla narrazione architettonica. 

Il fascino degli abbaini arrotondati

I: Quali sono le caratteristiche principali del tetto ad abbaini arrotondati e cosa ci si può aspettare quando lo si sceglie?  

M: Progettare e costruire un tetto con abbaini arrotondati è piuttosto impegnativo, se così si può dire. A partire dallo strato di base – il legno (strato di supporto) che deve essere installato fin dall’inizio sulla forma arrotondata.  

Inoltre, gli strati successivi dell’intera struttura (tenendo presente che alcuni sottofondi possono essere piuttosto rigidi) dovranno essere portati alla forma arrotondata.   

Successivamente, la carpenteria (legno, pvc o alluminio) dovrà essere convertita (finestre comprese) alla forma semicircolare.   

All’esterno, il compluvio assomiglierà a un’elisse, o più che altro a una forma irregolare con un alto grado di difficoltà durante l’installazione, per avere alla fine una finitura superficiale perfetta.   

La sommità di un abbaino arrotondato è il punto di pendenza zero, motivo per cui scelgo Tegola Canadese e talvolta le coperture metalliche. Tuttavia, indipendentemente dalla scelta dei materiali di superficie, la stratigrafia deve creare un tetto ventilato, il che significa creare uno strato di ventilazione sopra l’isolamento termico. 

Sull’impalcato del tetto l’installatore installa innanzitutto lo strato di diffusione del vapore (Vapobar/Difbar). Successivamente, viene installata una griglia di listelli per creare lo spazio di ventilazione e su di essa viene posata la copertura del tetto che funge da strato di supporto per le tegole (OSB III).   

Un fatto importante da notare è che il compluvio e la zona di pendenza zero fino a 15 gradi sono protette dalle infiltrazioni d’acqua con membrane bituminose come quelle della linea Safety di Tegola Canadese.  

Ritengo che questi tipi di abbaini arrotondati possano risultare complessivamente un po’ più impegnativi, in particolare per quanto riguarda l’installazione; tuttavia, se eseguiti in modo impeccabile, il piacere del lavoro finito ne vale assolutamente la pena.   

I: Perché avete utilizzato le tegole canadesi di Tegola Canadese per gli abbaini arrotondati? 

M: Quando si parla di materiali di copertura per gli abbaini arrotondati, le tegole di Tegola Canadese – in particolare Master Line – sono la mia scelta per diversi motivi:

1. Design: Le combinazioni di strati sovrapposti di Master hanno contribuito a creare un tetto senza giunture, con linee morbide che conferiscono comunque personalità alla struttura, motivo per cui è stata un’opzione piuttosto popolare per i proprietari di case.

2. Durata: Le tegole bituminose di Tegola Canadese sono note per la loro eccezionale durata e resistenza alle condizioni climatiche più avverse. Sono in grado di resistere alla pioggia battente, al vento e all’esposizione ai raggi UV, garantendo una protezione duratura per il tetto e la struttura dell’abbaino.

3. Versatilità: sono disponibili in un’ampia gamma di colori e texture, offrendo agli architetti un’ampia scelta di opzioni per soddisfare l’intento progettuale dell’edificio. Possono integrarsi perfettamente con vari stili architettonici e fornire una linea di copertura bella e coesa.

4. Facilità di installazione: Le tegole canadesi sono relativamente leggere e facili da installare, il che le rende una scelta preferenziale per gli abbaini arrotondati. La loro flessibilità consente loro di adattarsi alle superfici curve dell’abbaino senza soluzione di continuità, garantendo una finitura ordinata e visivamente accattivante.

5. Convenienti: Le tegole canadesi offrono una soluzione di copertura economica senza compromettere la qualità o l’estetica. Offrono un ottimo rapporto qualità-prezzo, considerando la loro durata, i bassi requisiti di manutenzione e la lunga durata.

 Gli abbaini arrotondati sono diventati uno degli elementi architettonici preferiti grazie alla loro estetica accattivante, alle proprietà che migliorano lo spazio e alla compatibilità con vari stili architettonici. Per quanto riguarda i materiali di copertura degli abbaini arrotondati, le tegole canadesi offrono una combinazione vincente di durata, versatilità, facilità di installazione e convenienza. Scegliendo gli abbaini arrotondati e abbinandoli alle tegole bituminose, gli architetti possono creare strutture di grande impatto visivo che resistono alla prova del tempo, offrendo al contempo funzionalità e fascino. 

 

Alexandra Mutiu  
Specialist marketing Tegola Romania 

Prodotto

Funzionalità e Design

Prodotto

UNICA Master

Nelle tegole Master convivono la natura, come fonte d’ispirazione, e la ricerca industriale, che garantisce alte performance per lungo tempo. Materiali di qualità, accoppiamenti di strati sovrapposti e sfumature di colore studiate ti consentono di realizzare tetti dall’aspetto naturale e dalla perfetta impermeabilizzazione.

Scopri il prodotto

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Compila il form per richiedere informazioni

Halala Kella Lodge

Case History

Halala Kella Lodge

Copertura realizzata con tegola Master grigio pietra di Tegola Canadese

Ubicato su un’altura a ridosso bel bacino creato da una diga idroelettrica sul fiume Omo, nel Sud dell’Ethiopia, Halala Kella Lodge prende il nome dal iconico muro “HALALA”, lungo 1200 km, costruito tra il 13° ed il 16° secolo per difendere la popolazione Dawro e le sue preziose e fertili terre. Questa impressiva muraglia costruita totalmente in pietra e fango prende il suo nome dal Re Halala che ne ha ultimato le opere. Il resort si estende in un’area di 12 ettari ed è dislocato tra i 900 ed i 1000 metri sul livello del mare. 

Questo magnifico Resort è stato voluto direttamente dal Primo Ministro Etiope nel contesto del “GEBETA LEHAGER project”, un progetto di sviluppo del turismo “per il bene del paese”. 

A.COM.EX per Halala Kella Lodge, ha seguito tutti i processi per la definizione, quantificazione e selezione coordinata dei materiali utilizzati; coordinamento del reperimento materiali, progettazione impianti e progettazione esecutiva delle coperture; logistica, carico marittimo e trasporto fino al sito.   

Per la copertura è stata scelta Tegola Canadese Master grigio pietra, in quanto ritenuta il prodotto migliore per garantire una perfetta impermeabilizzazione dei tetti a tronco di cono e nel contempo offrire grande valenza estetica al lodge, per un’integrazione con il bellissimo paesaggio naturale circostante. 

Particolarmente apprezzata da A.COM.EX la collaborazione con Tegola Canadese, in particolar modo con l’area manager Danilo Maiolatesi per l’assistenza tecnico commerciale durante l’intera trattativa e l’ufficio tecnico per il supporto in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori, condividendo importanti suggerimenti par facilitare la posa e garantire impermeabilizzazione ed estetica nei minimi dettagli. 

Franco Rizza, 
A.COM.EX. Roma

Credits by A.COM.EX 

Dettagli del progetto: Halala Kella Lodge 

Committente/principale: Presidenza del Consiglio dei Ministri “Progetto GEBETA LEHAGER”

Appaltatore generale: ELMI OLINDO PLC

Fornitore generale:A.COM.EX. srl Via Pomonte 31, 00138 Roma,Italia

Progettazione architettonica: RAAS Architects PLC

www.halalakella.com

 

Prodotto

Funzionalità e Design

Prodotto

UNICA Master

Nelle tegole Master convivono la natura, come fonte d’ispirazione, e la ricerca industriale, che garantisce alte performance per lungo tempo. Materiali di qualità, accoppiamenti di strati sovrapposti e sfumature di colore studiate ti consentono di realizzare tetti dall’aspetto naturale e dalla perfetta impermeabilizzazione.

Scopri il prodotto

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Compila il form per richiedere informazioni

Atelier Fleuriste

Case History

Chieri (TO), 2002 / 2008

Copertura realizzata con tegola metallica Prestige Compact di Tegola Canadese

Il progetto, che comprende la ristrutturazione integrale di una casa a cortina ottocentesca e la realizzazione di un nuovo edificio nel giardino interno, nasce dalla volontà di segnare in modo forte la presenza di un luogo non comune, all’interno di un contesto urbano disordinato e diviso tra permanenze della cittadina rurale e interventi di edilizia recente. Il programma funzionale prevede la realizzazione di spazi espositivi, commerciali, abitativi e informali pensati in modo flessibile e adattabile alle diverse esigenze della committenza. L’intervento è articolato in due blocchi edilizi, formalmente molto diversi, concepiti l’uno come una grande vetrina-piazza su via Andezeno, l’altro come un padiglione isolato all’interno del giardino aperto al pubblico, visibile dalla strada attraverso scorci prospettici.

La ristrutturazione dell’edificio a cortina prevede il mantenimento della porzione centrale in tutti i suoi caratteri: le coperture voltate, i serramenti, gli intonaci e le decorazioni, mentre ai lati la sagoma originale dell’edificio è ricostruita da una grande vetrata a tutta altezza verso strada e da una pelle cangiante in rame verso il cortile. Lo spazio interno è completamente aperto e si articola intorno ad un grande vuoto a tutta altezza, attraversato da passerelle e pensato per ospitare installazioni ed elementi luminosi di grandi dimensioni.

Il sistema di raffrescamento della vetrata è realizzato mediante un velo d’acqua corrente che trasforma l’intero fronte dell’edificio in una vera e propria fontana monumentale: la strada diventa così piazza, spazio pubblico di riferimento per l’intero contesto urbano. Il padiglione interno al giardino è costituito da un volume plastico articolato e fluido, sollevato da terra da grandi setti in cemento e rivestito di una pelle in laterizi rotti che gli conferiscono un forte carattere materico.

Il giardino, infine, al cui interno è previsto un parcheggio pubblico di servizio all’atelier, può essere messo in diretta connessione con il grande vuoto, interno allo spazio espositivo e commerciale, tramite una parete vetrata apribile, diventando il luogo ideale per installazioni en plein air ed eventi.

Dettagli del progetto: Atelier Fleuriste e abitazione privata

Lavori: 2002/2008

Committente: Idea Fiori di Marco Segantin

Progetto: ELASTICO SPA – Stefano Pujatti

Prodotto

Funzionalità e Design

Prodotto

Prestige Compact Plus

Le tegole Prestige Compact trasformano un tetto tradizionale in un elemento architettonico di prestigio. La naturale ossidazione del rame crea discontinuità cromatiche che rendono il tuo tetto unico e prezioso.

Scopri il prodotto

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Compila il form per richiedere informazioni

Chiesa San Francesco di Sales a Roma

Case History

Roma 2003 / 2005

Copertura realizzata con tegola metallica Prestige Compact di Tegola Canadese

L ’elemento caratterizzante di questo edificio di culto, che si percepisce sin da subito, è la notevole copertura che si stende sopra di esso e lo avvolge in modo fluido, quasi a raccogliere e proteggere l’assemblea riunita. La copertura aggettante si protrae con una punta ma poi si allarga e si distende, creando un luogo ospitale e accogliente per le celebrazioni. Il risultato complessivo del progetto risulta una copertura sorprendente, con una trama di notevole interesse che racconta di un intreccio fra innovazione e tradizione: ed ecco allora la scelta progettuale di utilizzare un manto innovativo dal punto di vista tecnologico, la tegola in rame Prestige Compact di Tegola Canadese, e un materiale come il rame che l’uomo impiega da secoli per edifici destinati a durare nel tempo.

Altro elemento di notevole interesse è l’utilizzo della luce: essa è magistralmente utilizzata sia sotto forma di luce naturale che entra attraverso le numerose aperture, sia come luce artificiale appositamente studiata e realizzata per meglio delineare gli spazi interni e per essere visibile dall’esterno. Anche la distribuzione in pianta, un ottagono regolare, è frutto di un’originalità che ricerca la centralità dell’assemblea in quanto protagonista assieme al celebrante. I materiali costruttivi utilizzati per la struttura sono due elementi diversi: il cemento armato per tutte le parti in elevazione e il legno lamellare; il rame per il manto di copertura.

Il colore che prevale sia all’esterno che all’interno è il bianco sia sull’intonaco esterno che sul cemento lisciato dell’interno Bianchi sono anche i vetri di porte e finestre delle zone basse mentre il blu scuro è utilizzato per gli infissi e l’azzurro trasparente nelle finestre poste in alto. Il tutto si contrappone con le tonalità calde del legno lamellare e del rame sul tetto, ovvero dei materiali ampiamente utilizzati nella tradizione e qui reinterpretati in una chiesa che si presenta come tramite tra tradizione e innovazione.

Dettagli del progetto: Chiesa

Lavori: 2003 – 2005

Progetto: Arch. Lucrezio Carbonara, Arch. Paolo Dattero, Arch. Alfredo Re / Studio Dattero & Re – Roma

La copertura: un segno forte caratterizzato da innovazione e tradizione

La forte caratterizzazione di questo edificio consiste nella copertura che si distende sopra l’edificio e nella scelta progettuale di utilizzare la tegola in rame Prestige Compact di Tegola Canadese. È la manifestazione della ricercatezza di questa realizzazione, che si presenta innovativa dal punto di vista tecnologico pur utilizzando un materiale, il rame, che l’uomo impiega da secoli proprio negli edifici destinati a durare nel tempo. La tegola in rame Prestige Compact è versatile e si adatta bene a ogni pendenza o curvatura del manto e il risultato finale è una copertura caratterizzata da una trama particolare e di notevole interesse.

La facciata principale della chiesa è caratterizzata da un ripetersi di cornici agettanti che si innalzano al di sopra del portale d’ingresso, mentre la sovrastante struttura di copertura avanza a punta; un’insieme di equilibri e ripetizioni si tramutano in un invito a entrare. Nel suo insieme,l’edificio religioso diventa un segno architettonico molto forte che si innalza per accogliere e proteggere i fedeli.

Prodotto

Funzionalità e Design

Prodotto

Prestige Compact Plus

Le tegole Prestige Compact trasformano un tetto tradizionale in un elemento architettonico di prestigio. La naturale ossidazione del rame crea discontinuità cromatiche che rendono il tuo tetto unico e prezioso.

Scopri il prodotto

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Compila il form per richiedere informazioni

Museum of Horse

Case History

Bisignano (CS), 2002 / 2006

Copertura e pareti realizzati con tegola metallica Prestige Compact di Tegola Canadese

Studiare gli elaborati che Marcello Guido prepara per avvicinarsi alle proprie opere è fondamentale per poter comprendere la sua architettura. Non tanto per ricevere chiarimenti riguardo le complesse spazialità che lo stesso compone, quanto piuttosto per immergersi dello spirito del processo inventivo che le immagini denunciano: prospetti, sezioni, planimetrie crollano l’una sull’altra, le linee degli elaborati invadono lo spazio riservato al vicino, agganciandolo e trascinandolo nel proprio dominio. Fusioni di più visuali astratte rendono impossibile la lettura del soggetto, salti di scala improvvisi fanno ergere al centro di una pianta dettagli architettonici che appaiono a prima vista tronchi di immense strutture.

Le linee vengono violentemente manipolate, le campiture di colore sfumano a formare un cielo, poi una vetrata, infine la base di un terrapieno che si fonde ambiguamente con il prospetto di un palazzo che si percepisce da lontano. Gli alzati guadagnano indipendenza da ogni altro elaborato, e così si specchiano, si sovrappongono, ridondano informazioni. Rimozioni e cancellature diventano strumenti di esplorazione della forma. Le stesse architetture, a cui questi disegni sono propedeutici, istigano quest’atteggiamento dissacratorio: i corpi di fabbrica si sgretolano, lanciando sviluppi murari su diagonali, facendo sì che, pure negli elaborati tecnici, piante e sezioni, debbano forzatamente contaminarsi tra loro.

Fu Vasari, dopotutto, a parlare dello schizzo come «una prima sorte di disegni che si fanno per trovare il modo delle attitudini et il primo componimento dell’opra, e sono fatti in forma di una macchia, accennati solamente da noi in una sola bozza del tutto», espressione del «furor dello artefice», il quale ricorre a questa forma di rappresentazione «per tentare l’animo di quel che gli sovviene». Tratto da “Surfing complexity. The work of Marcello Guido di Carlos Villagomez.

Dettagli del progetto: Museo Lavori: 2002 – 2006

Committente: Comune di Bisignano

Progetto: Architetto Marcello Guido

Il progetto nasce dall’esigenza di esporre un’antica carrozza nobiliare ceduta all’amministrazione comunale di Bisignano. L’edifico, di dimensioni molto ridotte, sorge sul retro di una chiesa tardo-gotica, nell’area un tempo occupata dall’annesso complesso monasteriale demolito disinvoltamente negli anni ‘50 per costruire un autolavaggio industriale. L’altra parte dell’area, liberata dai manufatti industriali, è occupata da alcune gradonate che formano un piccolo teatro all’aperto, ma riparato da una copertura lignea. Al centro del teatro vi è una pavimentazione vetrata che mette in luce un’antica cisterna per la raccolta delle acque, voltata a cupola e di cui si era persa memoria, ma che è stata rinvenuta intatta durante gli scavi fondazionali. Il progetto presenta alcuni accorgimenti energetici e un’attenzione verso la sostenibilità: non vi sono aperture sul fronte Sud per evitare il surriscaldamento estivo degli interni a causa dell’effetto serra, l’edificio è energicamente autonomo e fornisce energia elettrica alla reta di illuminazione pubblica, il verde è integrato nella progettazione e l’antica cisterna è stata riconvertita allo scopo originario per la raccolta delle acque piovane, ai fini di irrigazione delle aiuole.

Il progetto e il plastico sono stati in mostra a Istanbul durante il congresso dell’UIA 2006

Prodotto

Funzionalità e Design

Prodotto

Prestige Compact Plus

Le tegole Prestige Compact trasformano un tetto tradizionale in un elemento architettonico di prestigio. La naturale ossidazione del rame crea discontinuità cromatiche che rendono il tuo tetto unico e prezioso.

Scopri il prodotto

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Compila il form per richiedere informazioni

Parco acquatico Vana Nava Water Jungle

Case History

Hua Hin Thailandia, 2014

Vana Nava Water Jungle è un’oasi di divertimento nel cuore di Hua Hin, in Thailandia, immerso nel lussureggiante paesaggio che inghiotte il parco acquatico. La giungla dell’acqua Hua Hin di Vana Nava incorpora elementi architettonici e di design iconici con coperture a forma organica e una varietà di piante esotiche e alberi tropicali. Per questo parco acquatico, il team di progettazione e costruzione ha creato una giungla di 6400 metri quadrati, dove prima non esisteva nulla, con la piantumazione di 200.000 alberi e piante. Molti degli alberi hanno dai 30 ai 40 anni, recuperati da aree coinvolte dalla costruzione di infrastrutture o forniti dall’architetto paesaggista. I progettisti si riferiscono al sito, inaugurato nel 2014, come al primo parco acquatico ecologicamente consapevole della regione.

La caratteristica eccezionale di Vana Nava Hua Hin Water Jungle è la sinergia con la natura e l’integrazione di un parco acquatico in una foresta tropicale (The Green Mechanical Engineering). Per questo si sono ispirati alle forme della natura come le foglie degli alberi o i pesci del mare ma anche allo stile di vita dei pescatori per riflettere la storia della città di mare di Hua Hin che ora è diventata una località turistica molto famosa in Thailandia.

Dettagli del progetto: Parco acquatico

Lavori: 2014

Committente: Sino-Thai Engineering & Construction

Architetto: WhiteWater West Industries

Designer acquatico: WhiteWater West Industries

Architetto paesaggista: Belt Collins

Progettazione meccanica / strutturale: AE49

Prodotto

Funzionalità e Design

Prodotto

Master

Nelle tegole Master convivono la natura, come fonte d’ispirazione, e la ricerca industriale, che garantisce alte performance per lungo tempo. Materiali di qualità, accoppiamenti di strati sovrapposti e sfumature di colore studiate ti consentono di realizzare tetti dall’aspetto naturale e dalla perfetta impermeabilizzazione.

Scopri il prodotto

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Compila il form per richiedere informazioni

Prince Mahidol Hall

Case History

Mahidol University, Thailandia, 2014

Copertura realizzata con tegola metallica Prestige Compact di Tegola Canadese

Più di 10 studi di architettura avevano presentato i loro progetti al concorso promosso per realizzare un’opera che sfidasse i tempi e rappresentasse un forte segno della contemporaneità. Il concorso è stato fortemente sostenuto da tre membri autorevoli della Mahidol University a Salaya, in Thailandia, figure rappresentative della storia dell’architettura Thai moderna e tradizionale: Amnuay Suwankiri, Pichai Vasanasong e Arwut Ngernchuklin. Vincitore è stato lo studio tailnadese Architects 49 Ltd. con una proposta che incorpora e ingloba, armonizzandolo, passato e presente

Architects 49 è stato fondato nel 1983 da Nithi Sthapitanonda, già studente della Chulalongkorn University and University of Illinois del campus di Urbana Champaign. Il progetto prescelto è il Prince Mahidol Hall, costruito all’interno del campus della Mahidol University: si tratta di una sala multifunzionale adibita a sala concerti, cerimonie o eventi per 2.000 posti a sedere e con la migliore acustica. Gli architetti si sono ispirati alle forme organiche e tradizionali thailandesi. La lobby e i corridoi esterni in vetro offrono una vista straordinaria. Il tetto, a doppio strato, è stato disegnato per isolare il rumore esterno e la copertura è composta da 19 elementi in acciaio che ricordano nella trama del disegno lo scheletro del corpo umano, a simboleggiare la ricerca della conoscenza medica che è alla base della nascita dell’Università. Lo spazio interno è completamente aperto e si articola intorno a un grande vuoto a tutta altezza, attraversato da passerelle e pensato per ospitare installazioni ed elementi luminosi di grandi dimensioni.

Prince Mahidol Hall è la più grande sala da concerto della Thailandia. La sala prende il nome dal principe Mahidol Adulyadej. La sala è stata inaugurata il 14 aprile 2014 ed è stata anche scelta dalla Tokyo Philharmonic Orchestra per il suo 100th Anniversary World Tour 2014

Prodotto

Funzionalità e Design

Prodotto

Prestige Compact Plus

Le tegole Prestige Compact trasformano un tetto tradizionale in un elemento architettonico di prestigio. La naturale ossidazione del rame crea discontinuità cromatiche che rendono il tuo tetto unico e prezioso.

Scopri il prodotto

SIAMO A TUA DISPOSIZIONE

Compila il form per richiedere informazioni